Utilizzo dei Cookie

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformitą alla nostra Cookie Policy.
stampa

Ultime visitate

Cuccioli Schnauzer nano nero nati il 13 maggio 2016
Standard Jack Russell Terrier
Il carattere del Jack Russell Terrier
archivio cucciolate

decoro alto

 

Perché i nostri Jack Russell possono avere due tipi di pedigree?

 

Bisogna premettere che in ogni Paese europeo (e lo stesso avviene in altri continenti) esiste un Ente Nazionale della Cinofilia che, tra le tante mansioni, detiene i Registri dei soggetti appartenenti alle varie razze presenti sul territorio: funziona un po' come un Ufficio Anagrafe Nazionale ed è lì che viene emesso il fatidico "pedigree". Questo Certificato d'Iscrizione al Libro Origini Italiano (oggi R.O.I. per quanto riguarda l'Italia) rappresenta il documento di identità del cane di razza; su di esso vengono tra l'altro riportati: nome del soggetto, Gruppo e razza di appartenenza, colore del mantello, data di nascita, numero di tatuaggio o microchip e allevatore, oltre naturalmente alla genealogia, ovvero i nomi dei genitori, nonni, bisnonni e trisnonni del soggetto che viene iscritto al Registro.

 

Il Libro Italiano Riconosciuti (oggi R.S.R. in Italia),accoglie invece i dati dei soggetti appena riconosciuti appartenenti alle razze di recente accettate dalla Cinofilia Ufficiale.

 

Chi fosse in possesso di un soggetto sprovvisto di documenti, ma in evidenza appartenente ad una Razza neo-riconosciuta (dopo qualche anno il L.I.R. viene infatti chiuso), potrà iscriverlo nell'apposita Classe L.I.R. (oggi R.S.R.) ad un'Esposizione patrocinata dall'E.N.C.I.

 

Un esperto giudice valuterà la tipicità del soggetto, e dietro suo parere favorevole verrà subito rilasciato un C.d.T. (Certificato di Tipicità). Si avvierà in seguito la pratica d'iscrizione al Libro Italiani Riconosciuti (oggi Registro Soggetti Riconosciuti: R.S.R.): entro qualche mese l'E.N.C.I. emetterà un pedigree R.S.R. di prima generazione a nome del cane.

 

Scegliendo di far riprodurre questo soggetto (naturalmente con un altro pari-razza, già a sua volta munito di pedigree R.O.I. o R.S.R.) sarà possibile iscrivere i cuccioli che nasceranno, questi avranno un pedigree R.S.R. di seconda generazione, e così via. Nel tempo le generazioni si andranno aggiungendo, fino ad arrivare alla quarta, requisito necessario per ottenere un pedigree R.O.I.

 

Prima che questo venga emesso è comunque necessario portare il soggetto per una verifica morfologica presso un esperto giudice, sempre in esposizioni patrocinate dall'E.N.C.I.

 

Questo per garantire che la selezione dei riproduttori abbia dato gli esiti desiderati, inoltre soggetti che ottengono pedigree R.O.I., vincendo in esposizione, potranno conseguire il titolo di Campione Italiano di Bellezza.

 

N.B. - L'E.N.C.I. ha dal 2000 mutato le sigle che contraddistinguono i due tipi di libro genealogico: il L.O.I. in R.O.I. (Registro Origini Italiano) e il L.I.R. in R.S.R. (Registro Soggetti Riconosciuti).

 

...

 

- 1 -

 

1  2 > avanti

decoro basso

approfondimenti sul jack russell terrier